I MILLE USI DELLA CIOCCOLATA


Il cioccolato, la più dolce delle sostanze, è implicato in tantissimi usi: come alimento, antidepressivo, coaudivante estetico, crema da massaggi...insomma non solo è buono, ma anche poliedrico e multifunzionale, quindi è proprio il caso di dire: che bella invenzione!


Per prima cosa conosciamolo meglio


Il cioccolato deriva dai semi della pianta di cacao detta anche Theobroma  cacao, una pianta di origine esotica dalle foglie verdi e dai frutti particolari e conosciuta (ma soprattutto apprezzata) da tutto il mondo.




CENNI STORICI SUL CIOCCOLATO


I primi ad apprezzarne le qualità furono i Maya, antico popolo sudamericano, che usavano chiamare il cioccolato con il nome di kakaw uhanal, ovvero "cibo degli dei". Il suo consumo era però riservato solo ad alcune classi della popolazione (sovrani, nobili e guerrieri). I Maya amavano moltissimo la bevanda di cacao preparata con acqua calda. Acqua si diceva haa, e caldo si diceva chacau. La bevanda di cacao quindi assumeva il semplice nome di chacauhaa, da qui il nome che le diamo oggi e che suona similmente in moltissime lingue.


La pianta sembra avere origini ancestrali, in quanto, secondo gli studi botanici condotti su di essa, pare che fosse presente nelle zone del Rio delle Amazzoni già più di 6.000 anni fa. Una leggenda Azteca narra che una principessa fu lasciata a guardia di un fantastico tesoro dal suo sposo perché costui doveva partire in guerra, ed all'arrivo dei predono ella non volle rivelare il posto in cui tale tesoro era nascosto. Per questo fu uccisa e dal suo sangue nacque la pianta del cacao, i cui semi sono amari quanto la sofferenza, ma allo stesso tempo forti ed eccitanti come le virtù di quella ragazza.


Nel 1052, poi, Cristoforo Colombo, che era al suo ennesimo viaggio d'esplorazione verso l'America, entrò in contatto con la pianta e la importò in Europa, dove fu subito apprezzata e coltivata.


Nel corso dei secoli però si scoprì che la cioccolata non solo era buona come bevanda, ma anche come alimento ed aveva numerose proprietà: antiossidanti, eccitanti, emollienti, rinvigorenti etc. ed ecco perché, ad oggi, sembra che le sue virtù non abbiano termine.


Proprietà della cioccolata


Il cioccolato è ricco in flavonoidi, ossia dei potenti antiossidanti (contenuti anche nel tè e nel vino), che permettono di contrastare i radicali liberi, i maggiori responsabili dell’invecchiamento cutaneo, e di ridurre i problemi cardiovascolari e dunque il rischio di infarto. I flavonoidi, inoltre, svolgono un’azione anti-infiammatoria. 


Uno dei flavonoidi più comuni è l’epicatechina che, oltre ad avere un grande potere antiossidante, contrasta attivamente il colesterolo cattivo. Tuttavia secondo recenti studi nostrani, le potenzialità delle epicatechine sarebbero inibite dall'associazione tra la cioccolata ed il latte, pertanto sono presenti solo nella cioccolata fondente. Ecco perché questa cioccolata è permessa anche nelle diete dimagranti, a differenza di quella al latte, più golosa ma anche più grassa.


Il cioccolato è un noto antidepressivo, 




in quanto stimola la produzione di serotonina e quindi l'azione dei neurotrasmettitori. Inoltre contiene caffeina, un alcaloide che svolge un'azione psicoattiva ed eccitante, stimolando il sistema nervoso centrale. La caffeina viene convertita, in parte, in teobromina che oltre ad essere una sostanza vasodilatatrice, aumenta l'apporto di ossigeno e di nutrienti al sistema nervoso, favorendo pertanto la concentrazione. Da non dimenticare la presenza di tiramina, utilizzata per la produzione di farmaci antidepressivi, e di anandamide, un altro neurotrasmettitore ad azione antidepressiva.


Infine il cioccolato contiene molti sali minerali come fosforo, potassio, magnesio, ferro etc. che contribuiscono a farne un alimento energizzante e rinvigorente, oltre ad un potente antistress.


Uso del cioccolato nella cosmesi


Grazie alle sue innumerevoli proprietà, il cioccolato è utilizzato con successo anche in estetica, come crema antiossidante, emolliente ed antiage, sia come trattamento per i massaggi di benessere.




E' facile quindi trovare in commercio numerosi cosmetici a base di cioccolato, dalle crema ai bagnoschiuma agli shampoo, che oltre a sprigionare un profumo delizioso che aiuta a migliorare il buonumore, sono anche molto efficaci.

Un'ottima maschera viso da fare in casa, ad esempio, è la seguente:


Maschera viso al cioccolato


Ingredienti: 1 / 3 tazza di cacao, 3 cucchiai di panna, 2 cucchiaini di ricotta, ¼ di tazza di miele, 3 cucchiaini di farina d'avena in polvere.

Procedimento: Mescolare tutti gli ingredienti insieme ed applicare sul viso. Rilassatevi per 10 minuti, poi sciacquate con acqua tiepida.



Ma oggi si parla anche di cioccoterapia, intendendo con questo termine una gamma di trattamenti di benessere volti proprio al miglioramento psicofisico della persona.

Questi trattamenti vanno dai massaggi ai bagni di cioccolato, fino all'applicazione di oli essenziali ed all'inalazione dell'essenza pura.


Grazie alle proprietà idratanti, tonificanti e nutrienti del cioccolato dovute alla caffeina, agli antiossidanti e ai nutrienti in esso contenuto, la cioccolato-terapia è utile per combattere la depressione, evitare il rilassamento cutaneo ed i radicali liberi, nutrire ed ammorbidire la pelle, migliorare e stimolare la circolazione del sangue.


Il cioccolato in cucina


Il cioccolato, come abbiamo già accennato, è un prodotto ottenuto dalla miscelazione del cacao amaro con lo zucchero attraverso speciali macchinari i quali, mediante specifici rulli, schiacciano il composto ad una temperatura di 36-40 °C per 35-40 ore, in modo da creare un impasto omogeneo, uniforme, profumato e morbido. A seconda della quantità di burro di cacao presente si potrà ottenere un cioccolato più o meno morbido e lucente. Il prodotto, successivamente, viene raffinato, temperato e colato in speciali stampi per ottenere i pani, le tavolette ed i cioccolatini vari.


Ma, al di là degli usi classici da pasticceria, il cioccolato nelle sue infinite forme, si usa anche in modi insoliti nell'alta cucina, sfruttando questo alimento per ricette anche molto particolari, in associazione alla frutta, alla menta, ma anche all'insalata come ad esempio in questa ricetta:


Insalata di erbe coriandolo e cioccolato bianco


Ingredienti: 1 radicchio tardivo, 1 ciuffo di spinaci freschi, 1 testa di indivia, 1 insalata riccia, 1 lattuga di mare secca (reperibile nei negozi di specialità orientali), 8 germogli di crescione, 8 germogli di shiso porpora e verde (nei negozi di specialità orientali), 100 gr di cioccolato bianco, 12 foglie di coriandolo fresco, 25 gr di burro, 1 foglio pasta fillo, 5 gr di sale, 10 gr di olio extravergine di oliva biologico.


Pulite i diversi tipi di insalata, lavate bene e dividete le foglie. Asciugatele con cura. Sciogliete il burro ed imburrate una teglia resistente al calore. Foderatela con il foglio di pasta fillo e cuocete in forno a 180° per circa 20 minuti. Dopo la cottura avrete ottenuto una insalatiera croccante. Aggiungete le foglie di insalata, i germogli e la lattuga di mare secca in ordine sparso in una insalatiera. Sciogliete il cioccolato bianco a 36° (misurabili con l'apposito termometro), stendetelo su un foglio di carta da forno in modo da ottenere uno strato sottile. Cospargete con poco sale in cristalli. Lasciate in frigorifero per 1 ora circa. Rompete il foglio di cioccolato in pezzi irregolari ed adagiateli sulle foglie di insalata. Condite con poco olio extravergine e servite.


Uso medico del cioccolato


Il cioccolato è un ottimo elemento da usare anche come arma contro il colesterolo. Uno studio pubblicato dal British Journal of Nutrition, ad esempio, indica il cioccolato fondente come una fonte preziosa di polifenoli, anche meglio del vino e dell tè verde o nero. In questo studio sono stati valutati gli effetti del consumo di 20 g di cioccolato fondente (contenente 500 o 1000 mg di polifenoli) per 2 settimane, con riguardo alla glicemia, colesterolemia e la pressione arteriosa su 40 persone in grande sovrappeso. 


Il consumo di cioccolato contenente 500 mg di polifenoli ha prodotto una riduzione significativa sia della glicemia a digiuno che della pressione arteriosa. L'assunzione di 1000 mg di polifenoli al giorno non ha invece comportato effetti diversi sugli stessi parametri. Lo studio ha confermato quindi i benefici del consumo regolare di dosi moderate di cioccolato fondente sul metabolismo del glucosio (prevenendo diabete e sovrappeso) e nel controllo della pressione arteriosa.


Come ridurre sovrappeso ed ipertensione con la cioccolata


Consumare 20 g al giorno di cioccolato fondente di ottima qualità, meglio se al 70%, per due settimane consecutive. Ripetere 4-6 volte all'anno. Ovviamente occorre adottare una dieta sana ed equilibrata, e che sia anche povera di sodio.


copyright foto: freedigitalphotos.net


Se hai trovato utili queste informazioni, allora condividi l'articolo o segnalalo ad un amico. Grazie